Lieve mancanza di ossigeno alla nascita legata a ritardi nello sviluppo

Secondo un nuovo studio scientifico, non è necessario che la mancanza di ossigeno alla nascita provochi una grave lesione cerebrale affinché il bambino soffra di ritardi nello sviluppo. In altri termini, anche una lieve mancanza di ossigeno durante il parto può effettivamente causare una quantità significativa di danni.

Lo studio è stato condotto da scienziati dell'University College di Cork ed ha analizzato i neonati che avevano sperimentato encefalopatia ischemica ipossica, condizione che si verifica quando il cervello del bambino venga privato di ossigeno durante il processo della nascita. 

I ricercatori hanno scoperto che anche in quei casi in cui la privazione di ossigeno è ad un livello molto basso, il bambino manifesta comunque ritardi nello sviluppo e disturbi mentali. 

La mancanza di ossigeno alla nascita è collegata ad una serie di condizioni che includono paralisi cerebrale ed epilessia. I bambini affetti da dette condizioni possono con la crescita andare in contro a problemi cognitivi, deficienze intellettive e ritardi nello sviluppo.

Tuttavia, gli scienziati dell'University College Cork hanno rilevato attraverso la loro analisi che anche nei casi in cui l'encefalopatia ipossico ischemica era a livelli bassi, era collegata a ritardi nello sviluppo che duravano fino a cinque anni dopo la nascita.

In casi precedenti, la ricerca aveva trovato solo prove di encefalopatia ipossico ischemica moderata o grave che portava a problemi dello sviluppo a lungo termine. Il nuovo studio rileva che anche una lieve privazione di ossigeno può causare tali problemi.

È stato riscontrato che i bambini che soffrivano di lieve privazione avevano maggiori probabilità di soffrire di difficoltà di apprendimento e altri problemi man mano che crescevano. 

A cinque anni, questi bambini soffrivano di una serie di condizioni, tra cui linguaggio ritardato, disturbo da deficit di attenzione, autismo e disprassia.

Per i bambini che sono stati privati dell'ossigeno alla nascita, l'ipotermia terapeutica, che prevede il raffreddamento del corpo a 32 ° C per 72 ore, viene sempre più considerata come un trattamento forte ed efficace.

Richiesta Informazioni

Il tuo nome e cognome (richiesto)

Il tuo numero di telefono (richiesto)

La tua email

Sintesi della vicenda e danno subito

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e la Privacy Policy e Terms of Service di Google.

TORNA SU
Open chat