Ricerca scientifica: individuate le specifiche cellule cerebrali colpite dalla mancanza di ossigeno alla nascita

I bambini prematuri (bambini nati prima della gestazione di 37 settimane) hanno un rischio più elevato di complicazioni di salute rispetto a quelli nati a termine.  Tali complicazioni includono le seguenti (1):

Nei i bambini prematuri, bassi livelli di ossigeno possono causare più facilmente danni cerebrali.

Ricerche recenti sulle cellule cerebrali

Alla Stanford University School of Medicine, i ricercatori hanno scoperto che un insieme specifico di cellule cerebrali è particolarmente suscettibile ai danni causati da bassi livelli di ossigeno durante la nascita (2).

Sergiu e Anca Pasca hanno creato sferoidi cerebrali o colture di cellule 3D identiche agli aspetti funzionali e strutturali del cervello in via di sviluppo di un bambino.  Hanno coltivato queste culture con l'aiuto dei loro colleghi al punto da portarle ad assomigliare al tessuto cerebrale fetale a metà della gestazione.

Quindi, i ricercatori hanno esposto le colture a bassi livelli di ossigeno per 48 ore, dopo di che hanno ripristinato i livelli di ossigeno e hanno individuato cambiamenti nell'espressione genica nei geni precedentemente noti per rispondere all'ipossia.  Hanno anche rilevato cambiamenti nei geni della zona subventricolare, dove si è scoperto che le cellule progenitrici si differenziano in neuroni in anticipo rispetto alla norma.  I ricercatori volevano capire cosa sarebbe successo se fossero stati in grado di impedire a queste cellule progenitrici di differenziarsi troppo presto.

Nel loro studio, sono stati in grado di trovare un composto, chiamato ISRIB, che impedirebbe la differenziazione di queste cellule progenitrici in neuroni dopo un periodo di esposizione a bassi livelli di ossigeno.  Questo composto potrebbe essere in grado di bloccare alcuni degli effetti della carenza di ossigeno sui bambini prematuri.

Fonti

  1. Premature birth. (21 dicembre 2017). Reperito il 5 giugno 2020 da https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/premature-birth/symptoms-causes/syc-20376730
  2. Digitale, E. (6 maggio 2019). New research links brain injury from low oxygen to specific cells. Reperito il 5 giugno 2020 da http://med.stanford.edu/news/all-news/2019/05/research-links-brain-injury-from-low-oxygen-to-specific-cells.html
TOP