Emorragia dopo il parto (postpartum) e lesioni gravi alla mamma

Gli ostetrici e i ginecologi che assistono la gestante durante il travaglio ed il parto dovrebbero essere vigili e preparati ad evitare complicazioni potenzialmente letali.

L'emorragia postpartum (sanguinamento vaginale della madre dopo il parto che non rallenta o si ferma) è una delle principali cause di lesioni e morte delle donne subito dopo la gravidanza.

Questa condizione è pericolosa perché le donne possono perdere enormi quantità di sangue molto rapidamente a causa delle modifiche occorse al loro metabolismo e fisiologia durante la gravidanza.

I sanitari che assistono la gestante durante il potrebbero non considerare o trattare il rischio di emorragia postpartum così causando lesioni gravi e persino la morte della gestante.

Fortunatamente, non è elevato il numero di pazienti che hanno emorragie postpartum in un dato ospedale. D'altra parte, la rarità della condizione potrebbe indurre i sanitari a sottovalutarne gli effetti gravi.

Fattori di rischio prenatale di emorragia postpartum

Gli esperti raccomandano che i sanitari che assistono la gestante durante il parto dovrebbero pensare a prevenire l'emorragia materna durante le visite prenatali.

La corretta assistenza prenatale include l'identificazione e la preparazione per le madri con speciali fattori di rischio, compresa la placenta previa (condizione in cui la placenta si posiziona bassa nell'utero), la placenta accreta (condizione in cui la placenta si attacca troppo profondamente nella parete dell'utero) e i disturbi emorragici.

Inoltre, quando i pazienti hanno una grave anemia (bassi livelli di ferro), gli esperti raccomandano i predetti sanitari somministrino ferro per via orale e, se questo è insufficiente, ordinino il saccarosio di ferro IV, che è utile per raggiungere i livelli ematici di emoglobina ed ematocrito corretti.

Se il medico parla di disturbi della placenta o di carenza di ferro durante la cura prenatale, chiedi quali siano i tuoi rischi di avere un'emorragia dopo il parto e cosa si può fare per minimizzarli.

Considerazioni sul ricovero in ospedale

Quando una donna in gravidanza è ammessa all'unità ospedaliera di ostetricia e ginecologia, il personale medico ivi impiegato dovrebbe immediatamente pensare al rischio di emorragia della paziente dopo il parto. I livelli di rischio sono tre.

Puoi aiutare il tuo ostetrico / ginecologo fornendo informazioni complete sulla tua storia medica, in modo che siano a conoscenza di tutti i tuoi fattori di rischio.

  • Basso rischio: Pazienti senza precedente incisione dell'utero, gravidanza attuale singola, quattro o meno parti vaginali precedenti, nessun disturbo emorragico noto e nessuna storia di emorragia postpartum.
  • Rischio medio: pazienti che hanno avuto un parto cesareo pregresso o un intervento chirurgico all'utero, una gravidanza in corso con più di un bambino (gemellare, trigemellare, ecc.), Più di quattro parti precedenti, corioamnionite (un'infiammazione delle membrane fetali causata da un infezione batterica), precedente storia di emorragia postpartum o grandi fibromi uterini.
  • Alto rischio: pazienti con placenta previa, sospetta placenta o percreta, ematocrito < 30 e altri fattori di rischio, piastrine < 10.000, emorragia attiva al momento del ricovero e una coagulopatia nota (disturbo del sangue che riduce la capacità di formare coaguli).

L'emorragia materna dopo il parto può essere un'emergenza molto grave.

I sanitari che assistono al parto devono prestare molta attenzione alla mamma per vedere se si stia verificando un'emorragia.

La quantità di perdita di sangue è un indicatore importante di quanto sia seria la situazione. Ciò significa, naturalmente, che i sanitari dovrebbero misurare il volume di qualsiasi sanguinamento. Sfortunatamente, questo non sempre accade.

Inoltre, gli esperti raccomandano la misura preventiva di somministrare ad ogni donna nella terza fase del travaglio ossitocina e un massaggio del fondo dell'utero (un massaggio dell'utero che aiuta a ridurre il sanguinamento e i crampi) per almeno 15 secondi.

Quando una nuova mamma ha un sanguinamento insolito, richiede un'attenzione immediata ed eventualmente il trasporto di emergenza in sala operatoria.

Consulenza gratuita

Se tu o un tuo caro avete subito lesioni gravi a causa di un'emorragia postpartum, chiama GRDLEX al 06-90281097 per ottenere una consulenza gratuita con un legale con esperienza in malasanità.

Richiesta Informazioni

Il tuo nome e cognome (richiesto)

Il tuo numero di telefono (richiesto)

La tua email

Sintesi della vicenda e danno subito

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e la Privacy Policy e Terms of Service di Google.

TORNA SU
Open chat