Il disturbo dello spettro autistico può essere previsto nei neonati pretermine?

È noto che i neonati prematuri (pretermine) corrono un rischio maggiore di sviluppare determinati disturbi fisici e cognitivi. 

Il disturbo dello spettro autistico (ASD) è uno dei disturbi comuni tra i neonati pretermine.

I ricercatori stanno studiando se l'ASD possa essere previsto nei neonati pretermine utilizzando scale di traiettoria dello sviluppo.

Cosa sono le lesioni alla nascita da sanguinamento cerebrale?

L'espressione pretermine si riferisce a una donna che va in travaglio prima delle 37 settimane di gravidanza. 

I neonati che nascono dopo 24 settimane sono spesso in grado di sopravvivere, ma sono vulnerabili a una varietà di disturbi medici e cognitivi.

I ricercatori stimano che il 7% dei neonati pretermine sviluppa ASD, rispetto all'1,8% della popolazione generale. 

L'ASD è associato a una varietà di fattori di rischio prenatale, neonatale e perinatale. 

  • Rischi neonatali:
    •  Salute materna
    • Uso di farmaci materni 
  • Rischi neonatali:
  • Rischi perinatali:
    • Bassa età gestazionale
    • Basso peso alla nascita
    • Malattia polmonare acuta / cronica
    • Emorragia intracranica

Questi sono solo alcuni esempi dei fattori di rischio associati al travaglio pretermine e all'ASD. Ci sono una varietà di fattori che possono influire sulla salute individuale di una madre e di un bambino.

Il disturbo dello spettro autistico può essere previsto nei neonati prematuri?

Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Pediatrics offre dati promettenti sui neonati pretermine e sul rischio di sviluppare ASD.

I ricercatori hanno testato 319 bambini pretermine utilizzando le scale di Bayley dello sviluppo infantile. Gli esami sono stati effettuati a 6, 12 e 24 mesi. Gli esami sono stati effettuati utilizzando modelli di traiettoria basati su gruppi,

"Per valutare se attraverso la traiettoria evolutiva precoce della vita possa essere previsto l'autismo a 5 anni di età."

La traiettoria evolutiva è stata utilizzata in precedenza per valutare le popolazioni ad alto rischio, come i neonati che hanno fratelli con ASD o bambini con malattie genetiche. Questa particolare ricerca, tuttavia, è la prima che offre dati ottenuti in modo prospettico.

Secondo i dati, una piccola percentuale di bambini nati pretermine e che sviluppano ASD ha una traiettoria precoce simile a quella dei bambini nati a termine. Questi bambini hanno un declino dello sviluppo mentale tra i 12 ei 24 mesi. Il gruppo a più alto rischio, tuttavia, aveva punteggi cognitivi bassi a sei mesi, con declino cognitivo presente nel tempo. Ciò consente l'identificazione e l'intervento precoci.

I dati mostrano anche che i bambini con punteggi cognitivi bassi ma che migliorano dell'85%, così come i bambini con punteggi cognitivi stabili, hanno un rischio inferiore di sviluppare ASD. Questo offre qualche speranza alle famiglie di neonati prematuri che potrebbero essere preoccupati per lo sviluppo del loro bambino.

Fattori di rischio di disturbo dello spettro autistico

Oltre a studiare se la traiettoria evolutiva potesse predire lo sviluppo di ASD, i ricercatori hanno anche studiato i fattori di rischio di ASD nei neonati pretermine. Nel loro studio, i ricercatori hanno confrontato 29 bambini con ASD a 290 bambini senza. Lo studio ha incluso fattori di rischio non modificabili e fattori di rischio modificabili.

Fattori di rischio non modificabili:

  • Età gestazionale
  • Peso alla nascita
  • Sesso maschile

Fattori di rischio modificabili:

  • Malattia polmonare cronica
  • Durata dell'ossigenoterapia

Lo studio di questi fattori ha dei limiti poiché gli autori notano che mancavano i dati di neuroimaging disponibili. Pertanto, notano i ricercatori,

“Non è noto se ci fosse un contributo di lesioni cerebrali identificabili allo sviluppo di ASD nei loro soggetti. È probabile che almeno alcuni dei bambini nel gruppo con basso punteggio cognitivo abbiano rilevato facilmente lesioni cerebrali, come grandi lesioni cerebellari o lesioni cerebrali e / o alterazioni dello sviluppo cerebrale, entrambe associate a un basso QI e ad un possibile aumento del rischio di ASD. "

Lo studio inoltre non ha incluso fattori di rischio genetici, che potrebbero esacerbare fattori di rischio come il parto prematuro.

Lo studio conferma alcuni fattori di rischio, tuttavia, che potrebbero essere importanti per aiutare le famiglie a comprendere il rischio e il possibile sviluppo predittivo dell'ASD. Ad esempio, alcuni geni sono collegati all'ASD. I bambini che hanno questi geni potrebbero avere maggiori probabilità di sviluppare ASD in futuro.

Inoltre, il sesso maschile continua ad essere un forte fattore di rischio indipendentemente dall'età gestazionale alla nascita, ed in particolare nei neonati pretermine.

I ricercatori ritengono che il sesso maschile possa contribuire a rischi genetici legati al sesso, nonché a una maggiore vulnerabilità ad alcune complicazioni della nascita pretermine.

Tirare le somme per i genitori

Cosa significa questa ricerca per i genitori? In primo luogo, offre agli operatori sanitari l'opportunità di iniziare l'intervento il prima possibile. L'intervento precoce per le disabilità cognitive dello sviluppo, incluso l'ASD, è una chiave importante per aiutare i neonati ei bambini a svilupparsi e ottenere l'indipendenza.

Identificando alcuni fattori di rischio, gli operatori sanitari possono indirizzare meglio i bambini a rischio più elevato ad eseguire trattamenti specifici ed offrire rassicurazioni ai genitori di bambini a basso rischio. 

La ricerca raccomanda che gli operatori sanitari identifichino i neonati ad alto rischio con bassi punteggi cognitivi a sei mesi, così come quelli i cui punteggi stanno diminuendo nel tempo. 

Ciò può aiutare a indirizzare gli interventi e mitigare l'ulteriore sviluppo dei sintomi correlati all'ASD.

Ancora più importante: la ricerca raccomanda che gli operatori sanitari lavorino per identificare i neonati ad alto rischio alle dimissioni dall'ospedale o almeno entro i sei mesi di età. Prima iniziano gli interventi, migliore sarà il risultato per il bambino.

Richiesta Informazioni

Il tuo nome e cognome (richiesto)

Il tuo numero di telefono (richiesto)

La tua email

Sintesi della vicenda e danno subito

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e la Privacy Policy e Terms of Service di Google.

TORNA SU
Open chat