fbpx

Encefalopatia ipossico-ischemica e problemi di elaborazione sensoriale

Generalmente, si ha familiarità con solo cinque sensi: visione, udito, gusto, tatto e olfatto. Esistono, però, anche altri due sensi meno comunemente discussi: la propriocezione, consapevolezza delle proprie parti del corpo, e il senso vestibolare, che coinvolge equilibrio, movimento e coordinazione. I bambini con problemi di elaborazione sensoriale possono avere risposte anormali a uno di questi sensi.

Molto spesso il termine "problemi di elaborazione sensoriale" è associato esclusivamente al disturbo dello spettro autistico, e non ci si rende conto che, sia i problemi di elaborazione sensoriale che altri sintomi che caratterizzano l’autismo, possono essere causati anche da encefalopatia ipossico-ischemica.

Poiché l’encefalopatia ipossico-ischemica spesso porta alla paralisi cerebrale, è comune riscontrare problemi di elaborazione sensoriali nei bambini con paralisi cerebrale.

Tipi di problemi nell’elaborazione sensoriale

Esistono due tipi principali di problemi di elaborazione sensoriale: ipersensibilità e iposensibilità.

I bambini che sono ipersensibili diventano facilmente sopraffatti dalla stimolazione sensoriale e possono:

  • Essere infastiditi da rumori forti, luci brillanti, indumenti graffianti o aderenti o contatto fisico (in particolare il tocco inaspettato)
  • Avere la tendenza a essere distratti da cose che gli altri notano a malapena
  • Avere difficoltà nel capire la posizione dei loro corpi in relazione ad altri oggetti o persone
  • Muoversi goffamente e urtare le cose
  • Non riuscire a capire la quantità di forza che stanno applicando (ad esempio, quando cercano di cancellare qualcosa, potrebbero involontariamente strappare la carta)

L'ipersensibilità spesso li porta a evitare input sensoriali esterni poiché ne sono travolti.

I bambini che sono iposensibili, invece, tendono a desiderare più stimolazione possibile e possono:

  • Toccare frequentemente oggetti e altre persone
  • Non essere in grado di stare fermi, saltando e urtando contro le cose
  • Voler essere stretti con forti abbracci
  • Avere una tolleranza al dolore molto elevata
  • Avere difficoltà a prevedere la propria forza

L'iposensibilità spesso porta alla ricerca sensoriale e alla necessità di stimolazione sensoriale.

È importante notare che l'iper- e l'iposensibilità non si escludono a vicenda; molti bambini con problemi di elaborazione sensoriale, infatti, sperimentano entrambe.

Gestione delle problematiche di elaborazione sensoriale

Molti bambini con problemi di elaborazione sensoriale praticano terapia occupazionale, che spesso include la terapia di integrazione sensoriale. Questo tipo di terapia tenta di introdurre una stimolazione sensoriale ripetitiva per aiutare il cervello a imparare a rispondere ad essa in modo più organizzato.

Un altro approccio è la dieta sensoriale: il terapista occupazionale crea un programma attentamente pianificato di attività sensoriali per aiutare il bambino a soddisfare i propri bisogni sensoriali.

Questi trattamenti possono aiutare i bambini a evitare di essere sopraffatti dalla stimolazione sensoriale e ad affrontare meglio le situazioni angoscianti. Può anche aiutare i bambini a concentrarsi e migliorare alcune abilità quotidiane.

I problemi di elaborazione sensoriale da soli non sono tecnicamente coperti dalla legge che permette ai bambini con disabilità di ricevere servizi educativi speciali a scuola.

C’è da dire, però, che i problemi di elaborazione sensoriale sono spesso associati ad altre disabilità che permettono di accedere a servizi educativi speciali. Se un bambino mostrasse segni di problemi nella elaborazione sensoriale potrebbe essere utile richiedere una valutazione.

I bambini che necessitano di una istruzione speciale possono essere sottoposti a terapia occupazionale gratuita i cui requisiti di ammissibilità non sono così restrittivi.

Conclusioni

I problemi di elaborazione sensoriale possono rappresentare una serie di sfide sia per i bambini che per le loro famiglie.

La gestione può essere particolarmente difficile quando i problemi sensoriali si verificano con altre condizioni o disturbi; tuttavia, con le giuste risorse, i bambini con problemi di elaborazione sensoriale possono mostrare grandi miglioramenti.

Informazioni su Danni da parto Legal  e sullo Studio Legale Stefano Gallo

Danni da parto Legal è gestito dallo studio legale Stefano Gallo, composto da avvocati con esperienza in casi di negligenza medica e che si occupa prevalentemente di casi che coinvolgono encefalopatia ipossico-ischemica ed altre lesioni da parto.

I nostri avvocati gestiscono 500 richieste di assistenza l'anno per danni a neonati ed hanno assistito con successo fino al risarcimento numerosi casi di bambini con encefalopatia ipossico-ischemica e disabilità correlate.

Se sospetti che l'encefalopatia ipossico-ischemica di tuo figlio possa essere stata causata da negligenza medica, contattaci oggi per saperne di più su come procedere.

Forniamo consulenze legali gratuite, durante le quali ti informeremo delle tue opzioni legali e risponderemo a qualsiasi tua domanda. Inoltre, non pagherai nulla per l'intero processo legale sino a quando non sia ottenuto il risarcimento.

Puoi anche contattarci per richieste non correlate a negligenza. Non possiamo fornire consulenza medica, ma saremi felici di trovare risorse informative per te e la tua famiglia.

La nostra azienda ha ottenuto importanti sentenze e conclusi accordi multimilionari. 

I nostri avvocati sono disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per parlare con te.

Per una consulenza gratuita contatta GRDLEX con una delle seguenti modalità:

Ottieni consulenza gratuita

Il tuo nome e cognome (richiesto)

Il tuo numero di telefono (richiesto)

La tua email

Sintesi della vicenda e danno subito

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e la Privacy Policy e Terms of Service di Google.

TORNA SU