Paralisi Cerebrale Infantile: Le Terapie

Il superamento dei propri limiti fisici è una finalità importante delle terapie utilizzate per migliorare le abilità della persona affetta da paralisi cerebrale. La terapia è volta a migliorare la funzionalità, la mobilità, la forma fisica e l’indipendenza. La tipologia di terapia necessaria varia in base alle particolari necessità del singolo paziente, al tipo di di paralisi cerebrale di cui sia affetto, all’estensione della compromissione pisico-motoria e delle condizioni associate. Di seguito si elencano le principali terapie per la paralisi cerebrale infantile.

La terapia fisica, occupazionale e la logopedia, insieme ad attrezzature di adattamento, sono forme comuni di trattamento per i bambini con paralisi cerebrale. Se utilizzata all’interno di un piano di trattamento globale e coordinato, la terapia svolge un ruolo fondamentale nella gestione della menomazione fisica, ottimizzando la mobilità. La terapia viene utilizzata per la gestione della compromissione (soprattutto spasticità, contratture e problemi di tono muscolare), del dolore, e per ottimizzare la qualità della vita, favorendo la funzionalità, la cura di sé e l’indipendenza. La terapia determina anche benefici nella sfera emotiva, in tema di rendimento scolastico e nella vita di relazione.

Se implementata come parte di un programma di intervento precoce mentre il bambino è ancora in via di sviluppo, la terapia per la paralisi cerebrale può diminuire l’impatto della compromissione e ridurre al minimo il rischio che il bambino sviluppi condizioni associative.

La terapia può essere utilizzata insieme altre opzioni di trattamento, come la terapia farmacologica, la chirurgia, le tecnologie assistive, la medicina complementare e interventi alternativi.

Quando il team multidisciplinare di professionisti determina obiettivi del piano di cura del bambino, individua opportune opzioni terapeutiche. Nel corso del tempo, mentre il bambino si sviluppa e si presentano condizioni associate, possono essere considerate anche altre terapie.

La terapia non è limitata al bambino. La terapia può essere utile per gli operatori sanitari e genitori, pure. Ad esempio, la consulenza nutrizionale può aiutare a l’assistente domiciliare a comprendere le esigenze alimentari del bambino. La terapia comportamentale può aiutare il genitore imparare a rafforzare meglio i progressi della terapia del bambino.

La terapia viene fornita in molte forme, per scopi diversi, e può essere applicata nelle varie fasi di sviluppo del bambino o durante l’età adulta.

Avvocati per paralisi cerebrale infantile causata da malasanità

Se al tuo bambino è stata diagnosticata una paralisi cerebrale oppure se ritieni che il tuo bambino possa avere i sintomi della paralisi cerebrale, contatta lo studio legale GRDLEX oggi stesso per una consulenza gratuita. I nostri avvocati specializzati in lesioni perinatali, con l’assistenza dei medici specialisti del nostro staff (ginecologo, neonatologo e neuropsichiatra infantile) possono stabilire se la paralisi cerebrale diagnosticata al tuo bambino sia la conseguenza della negligenza o imperizia del medico o della struttura ospedaliera e aiutarti a ottenere il risarcimento per i danni patrimoniali e non patrimoniali, necessario per garantire tutte le cure di cui il tuo bambino avrà bisogno nel corso della sua vita.
La procedura non ha alcun costo iniziale e pagherai solo a risarcimento ottenuto.

Richiesta Informazioni

Il tuo nome e cognome (richiesto)

Il tuo numero di telefono (richiesto)

La tua email

Sintesi della vicenda e danno subito

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e la Privacy Policy e Terms of Service di Google.

TORNA SU
Open chat